Loading...
 
  • World
    • No language is assigned to this page.

Complesso

Science, 2 Apr 99, Vol. 284, pg. 87 - Nigel Goldenfeld - La complessità del mondo contrasta con la semplicità delle leggi fondamentali della fisica. Il mondo si presenta in strutture complesse in un gran numero di varianti ed a livelli diversi; c’è anche un aspetto caotico per il quale non si può prevedere ciò che avverrà, ma ci sono anche delle regolarità che mettono in evidenza delle tendenze naturali. Il mondo è quindi insieme complesso e caotico. Per acquisire la conoscenza di un sistema complesso vi sono tre modi di approccio: sperimentale, con il calcolo e teorico. Il metodo sperimentale è il migliore per una visione completa dei fenomeni perché si possono analizzare nel complesso un gran numero di dati. La simulazione con il computer serve a comprendere particolari aspetti del fenomeno. I modelli devono essere a livello macro adatto a cogliere gli aspetti che interessano. La complessità è dominata da fenomeni dinamici intermittenti con salti di livello la cui ampiezza segue una distribuzione di probabilità esponenziale o gaussiana; i sistemi turbolenti e caotici presentano una distribuzione esponenziale con un’alta probabilità di eventi peggiori. Sistemi strutturati complessi si formano in condizioni di non equilibrio, sono fortemente dissipativi e la loro complessità va crescendo nel tempo; questi sono i sistemi biologici che si autorganizzano in modo critico. La complessità comporta l’insorgere di nuove proprietà secondo il principio di Anderson del “more is different”. Mentre i fisici hanno sempre cercato leggi valide in ogni tempo ed in ogni luogo, lo studio della complessità mostra che in questo campo non ci sono leggi generali.

Online Users

6 online users

Minichat

Google Search

 
217.133.30.242
WWW